Home > Guida > Orari di trading migliori opzioni binarie

Orari di trading migliori opzioni binarie

Quali sono gli orari di trading migliori per le opzioni binarie? Si tratta di una domanda molto importante, in quanto per un operatore finanziario la gestione del fattore tempo rappresenta un’aspetto di primaria importanza, da tenere assolutamente nel debito conto quando si intende costruire una strategia operativa in grado di incidere positivamente nelle contrattazioni.
Chi vuole avere successo nel trading online, deve saper riconoscere il momento migliore per dare vita ad una azione, in questo caso ad una transazione.

Cosa occorre sapere sui migliori orari per opzioni binarie

Anche la conoscenza degli orari può tramutarsi in una accorta strategia di trading.

Gli orari migliori per investire in opzioni binarie

I mercati finanziari sono aperti non meno di 20 ore su 24. Un arco di tempo estremamente lungo, tale da offrire ampie possibilità, naturalmente rapportando il tutto all’effettiva disponibilità di tempo degli investitori. Va infatti ricordato che il trading online non deve essere condotto su archi temporali troppo lunghi, in quanto il fattore stress si può accumulare sino a rendere molto elevata la possibilità di errori.
In questo lasso di tempo così dilatato, ci sono però momenti in cui le occasioni per fare ottimi affari sono più ghiotte rispetto ad altri. Il riferimento, in particolare, è agli istanti che precedono o seguono l’apertura o la chiusura delle varie Borse finanziarie mondiali. Si tratta in effetti di momenti in cui l’affluenza di liquidità raggiunge i suoi picchi giornalieri.

Cosa fare per sfruttare gli orari di trading migliori per le opzioni binarie

Quali operazioni conviene mettere in campo per sfruttare gli orari di trading migliori per le opzioni binarie? Gli addetti ai lavori sono soliti indicare nello scalping lo strumento più adatto alla bisogna. Il motivo è abbastanza comprensibile: proprio lo scalping, infatti, rappresenta una delle strategie migliori per operare rapidamente, ovvero effettuare operazioni di trading contrassegnate dalla velocità. Lo scalper riesce in effetti ad aprire e chiudere una posizione in pochi secondi e ad elaborare il giusto ragionamento in tempi molto stretti, cogliendo le opportunità offerte in questi momenti topici.

Gli orari di apertura e chiusura dei mercati

Se beni come le valute e le materie prime sono scambiati per molte ore al giorno o addirittura senza interruzioni, le azioni prevedono invece tempi di negoziazione più limitati in quanto dipendono dagli orari di apertura delle borse mondiali.
Per quanto concerne gli orari di apertura e chiusura dei principali mercati mondiali, essi sono:
1) apertura alle 9 e chiusura alla 17.30 per le maggiori piazze europee (Milano, Parigi, Francoforte, Londra, Amsterdam, Madrid, Zurigo, Lisbona);
2) apertura alle 15,30 e chiusura alle 22 per New York e Toronto;
3) apertura alle 16 e chiusura alle 22 per Buenos Aires;
4) apertura alle 15 e chiusura alle 23 per San Paolo;
5) apertura alle 2 e chiusura alle 8 per Tokyo e Sidney;
6) apertura alle 4 e chiusura alle 10 per Hong Kong.

Le pubblicazioni economiche e l’effetto annuncio

C’è anche un altro fattore di grande rilevanza in grado di garantire maggiori possibilità di profitto nei propri investimenti in opzioni binarie, ovvero le pubblicazioni economiche.
Se si osserva l’andamento dei mercati al di fuori degli orari di apertura e chiusura delle borse, si può facilmente notare come si verifichi una maggiore volatilità a seguito di una pubblicazione economica. Sono gli stessi operatori di mercato a contrassegnare questo fenomeno con il nome di “effetto annuncio”.
Proprio per questo motivo sarebbe il caso di dotarsi di un calendario calendario economico, ovvero di un’agenda in grado di ricordare con assoluta precisione le pubblicazioni economiche che devono essere diramate. Sono proprio i broker a metterli a disposizione e anche questo dovrebbe influire nelle scelta di quello più adatto alle proprie esigenze. Il calendario economico contiene gli indicatori economici dei vari paesi (ovvero PIL, inflazione e altro), i tassi d’interesse, le statistiche relative alla manodopera impiegata e ai disoccupati, i dati sulla produzione e tutto quello che serve a dare il polso sullo stato degli stessi.

Articoli interessanti

Top