Home > Strategie Trading > Strategie opzioni binarie: Supporti e resistenze come metodo

Strategie opzioni binarie: Supporti e resistenze come metodo

Esiste una grande varietà di strategie per fare trading online, ognuna delle quali possiede una serie di caratteristiche in grado di rivelarsi preziose a chi intenda guadagnare dalle proprie operazioni sulle opzioni binarie. Naturalmente ognuna di esse ha peculiarità che le rendono adatte ad un particolare profilo di trader piuttosto che ad un altro e vanno quindi valutate con attenzione per sapere se possono fare al nostro caso-

Strategia supporti e resistenze

Una delle più famose ed utilizzate in assoluto è la strategia dei supporti e delle resistenze, considerata dagli addetti ai lavori relativamente semplice ma allo stesso tempo efficace, la quale trae le sue basi dall’analisi e dall’andamento dei prezzi.

Cosa sono il supporto e la resistenza

Prima di passare alla strategia dei supporti e delle resistenze occorre darne però una definizione. Possiamo dire che essi rappresentano aree di prezzo nelle quali il valore dell’asset che abbiamo posto sotto monitoraggio ha dato vita a più di un rimbalzo. Proprio le sue inversioni di direzione sono all’origine della reazione degli investitori. In particolare:

  • Supporto: è un’area in cui il prezzo, dopo aver avuto una fase ribassista, è rimbalzato più volte sino ad invertire la propria direzione.
  • Resistenza: è un’area in cui il prezzo, dopo una fase rialzista, è stato più volte respinto verso il basso, mutando del tutto la propria direzione.

Quali segnali possono dare i supporti e le resistenze?

Come si può facilmente capire da quanto abbiamo sin qui detto, i supporti e le resistenze possono portare a 2 segnali:

  1. Segnale di rimbalzo, ove il prezzo dia vita ad un rimbalzo sull’area di supporto o di resistenza per poi mutare la sua direzione.
  2. Segnale di rottura, il quale si verifica una volta che il prezzo abbia rotto il suo supporto o la sua resistenza al fine di proseguire con rinnovato vigore la direzione intrapresa.

Supporti e resistenze: come vanno considerati

Va messo a questo punto in rilievo come supporti e resistenze non costituiscano limiti invalicabili per il prezzo e come allo stesso tempo, quando si verifichi un rimbalzo o una rottura il prezzo tenda spesso a seguire un andamento preciso. In particolare:

  • Rimbalzo: nel caso in cui si verifichi a seguito della presenza di una resistenza ci si può attendere una inversione ribassista, mentre ove lo faccia su un supporto l’inversione sarà rialzista.
  • Rottura: quando il prezzo causa la rottura a rialzo di una resistenza, nella maggior parte dei casi si verificherà un forte movimento rialzista, mentre ove ciò avvenga su un supporto, al ribasso, dovrebbe conseguirne un notevole movimento ribassista.

Come vanno utilizzati supporti e resistenze per fare trading binario

Come sfruttare la strategia dei supporti e delle resistenze per investire sul medio e breve termine con le opzioni binarie? Il modo migliore per farlo è quello di usare le opzioni binarie Call/Put, in questo modo:

  • acquistando opzioni binarie Call, soprattutto in 2 casi, ovvero sfruttando la rottura rialzista di una resistenza, a seguito della quale il mercato non potrà che muoversi al rialzo, oppure investendo sui rimbalzi, entrando in azione subito dopo che il prezzo è rimbalzato su un supporto, confidando sul fatto che tornerà certamente verso l’alto in breve tempo.
  • acquistare opzioni binarie Put, investendo quindi in modo da sfruttare la rottura di un supporto, quando questo viene superato con decisione al ribasso, poiché è indubitabile che il prezzo si muoverà in quella direzione almeno per un determinato periodo di tempo, oppure puntando sui rimbalzi del prezzo su una resistenza, entrando sul mercato non appena il prezzo tocca la resistenza per poi tornare sui suoi passi.

Alcuni consigli sulla strategia dei supporti e delle resistenze

La strategia dei supporti e delle resistenze può rivelarsi estremamente efficace ma al fine di perfezionarla è consigliabile affidarsi ad un grafico a candele giapponesi in M30, ovvero a 30 minuti e scegliere opzioni binarie a scadenza oraria. Occorre poi scegliere il momento giusto per entrare in azione, magari dopo aver osservato i volumi: se essi aumentano in seguito ad una rottura e le candele successive mostrano coerenza (verdi in caso di rottura di una resistenza, rosse ove la rottura riguardi un supporto) il segnale è confermato e si può quindi investire. Nel caso si decida di puntare sui rimbalzi, occorre invece osservare le candele e monitorare i volumi, tenendo presente che non dovrebbero aumentare in maniera considerevole.

Articoli interessanti

Top